miércoles, 4 de abril de 2012

Laberinto.-

jueves 24 de noviembre de 2011


Franco Maria Ricci construye el mayor laberinto del mundo - Fue una promesa hecha a Jorge Luís Borges


Todavía quedan dos años para terminar, pero ya se pueden perder en el interior. Es el mayor laberinto del mundo construido por Franco Maria Ricci - editor, coleccionista - en su casa de campo en Mason, cerca de Fontanellato (Parma).

Ricci ha creado el objeto de su pasión desde la infancia, que se convirtió en una promesa para el escritor argentino Jorge Luis Borges durante su visita a Italia.
Los trabajos comenzaron en 2004, cuando Franco Maria Ricci vendío su editorial FMR para dedicarse por completo al diseño del laberinto, junto con los arquitectos Pier Carlo Bontempi, y Davide Dutto. Ahora, el jardín botánico ha terminado. Ocho hectáreas de superficie, a tres millas de los intrincados caminos hechos con treinta especies de bambú

Il labirinto di Franco Maria Ricci

Mancano ancora due anni al completamento, ma ci si può già perdere dentro. È il labirinto più grande del mondo quello realizzato da Franco Maria Ricci - editore, collezionista e designer parmigiano - nella sua tenuta di campagna a Masone, nei pressi di Fontanellato (Parma). A 74 anni, Ricci ha dato vita all'oggetto di una sua grande passione fin dall'infanzia, che divenne poi una promessa allo scrittore argentino Jorge Luis Borges nel corso di una sua visita in Italia.

I lavori sono iniziati nel 2004, anno in cui Franco Maria Ricci ha venduto la sua casa editrice FMR per dedicarsi interamente a progettare il labirinto insieme agli architetti Davide Dutto e Pier Carlo Bontempi. Ora il percorso botanico è terminato. Otto ettari di superficie coperta, tre chilometri di intricati percorsi realizzati con trenta specie di bambù. Manca la parte in cui sorgeranno le costruzioni che ospiteranno la sua vastissima collezione bibliografica e artistica, oltre che diversi spazi culturali e commerciali aperti al pubblico.

L'intera struttura dovrebbe essere pronta per il 2013 - si augura il suo ideatore - anno simbolico per celebrare due importanti ricorrenze. L'anniversario della morte di Giambattista Bodoni - stampatore e direttore della tipografia reale di Parma nel diciottesimo secolo, creatore dei caratteri che portano il suo nome raccolti nel celebre Manuale tipografico, la prima opera stampata da Ricci a inizio del suo lavoro come editore - e il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. L'idea è quella di inaugurare il più grande labirinto mai realizzato con un omaggio ai due ispiratori del collezionista parmigiano. (A cura di Alessandro Trentadue)

Fuente : La Repubblica Parma
http://parma.repubblica.it/cronaca/2011/11/24/foto/perdersi_nel_labirinto_di_fmr-25501719/1/

Antoine de Saint-Exupéry

“What is essential is invisible to the eye.”